50&50 di CAPANNELLE

50&50 di CAPANNELLE

Oggi vi parlo di qualche giorno di vacanza trascorso a Gaiole in Chianti (uno dei luoghi dove lasciarci il cuore) la Toscana.

Dopo un lungo viaggio, siamo arrivati tra queste colline, che si rincorrono una con l’altra, il verde delle vigne subito ti accoglie e ti fa sentire a tuo agio.

Capannelle, questa piccola azienda, nasce qui, tra il verde e la tranquillità.

Tutto lo staff ci ha accolto con gentilezza ed un grande sorriso, proprio come a casa.

 

La visita dei vigneti, è immergersi completamente, tra Sangiovese, Chardonnay e Malvasia Nera.

La cantina, utilizza metodi all’avanguardia, utilizzando sempre lo stesso principio, produrre vini di qualità!

 

Tra tutti i prodotti, voglio parlarvi del 50&50.

L’idea nasce nel 1988, grazie all’estate calda e ricca, nasce questo vino assemblato con 50% di Sangiovese di Capannelle e 50% di Merlot di Avignonesi di Montepulciano.

Macerazione ed invecchiamento avvengono in botti di legno francese di rovere, noi abbiamo avuto la possibilità di sentire il famoso “ribollir dei tini”, ed annusato l’odore del mosto in macerazione.

La passeggiata tra le botti di legno e le maestose autoclavi di acciaio, ci ha permesso di accarezzare il muro di roccia della cantina completamente sotteranea.

Le bottiglie vengono tutte conservate in posizione orizzontale, separate, per annata e tipologia dai doppi vetri, senza etichette, qui avviene l’ultimo affinamento, per armonizzare struttura e aromi, dopo tre anni in botte di legno, il vino affina per circa due anni in vetro.

 

Colore rosso rubino, intenso e brillante.

Al naso, il profumo è penetrante, si viene invasi dalla vaniglia, il tabacco ed il caffè; i frutti rossi, sono ben distinti, come mirto e ciliegia.

In bocca risulta pieno e delicato, i tannini sono delicati e avvolgenti. Un vino dalla struttura importante.

L’abbinamento migliore è con carni rosse pregiate, arrosti di selvaggina e formaggi stagionati con sapori molto forti. Si presta sicuramente come vino da meditazione.

Noi ve lo consigliamo con:

Gnocchetti di patate al ragout d’anatra, con scaglie di tombea

Pluma di Patanegra cotta a bassa temperatura (72° x 24 ore) con patate alla forchetta e ristretto alla senape antica

La nostra selezione di formaggi con marmellatine e  mostarde fatte in casa.

Scrivi commento

Commenti: 0